1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Vai alla pagina iniziale
Comune di Casale Monferrato
  1. Home page del sito
  2. Vai alla mappa del sito
  3. Versione stampabile della pagina

Contenuto della pagina

Bonificare è semplice!

Bonificare dall'amianto il territorio è importante. Non solo per noi stessi, ma anche per i nostri concittadini, per gli abitanti dei paesi vicini, per chi dal Monferrato è solo di passaggio per lavoro e turismo ma soprattutto per i nostri cari, parenti e amici. 

Per incentivare i privati alla rimozione, l'Assessorato all'Ambiente del Comune di Casale Monferrato, assieme all'Ufficio Stampa e all'Urp, ha redatto questo vademecum con tutte le domande più frequenti in materia, in modo da poter informare sempre meglio i cittadini del territorio. 

Ricordiamo che è possibile presentare richiesta in via anticipata per il prossimo bando (info www.comune.casale-monferrato.al.it/richiesta-anticipata-contributi-2017)

I cittadini di Casale Monferrato e di tutti i 48 Comuni compresi nel Sin (Sito d'Interesse Nazionale) casalese possono richiedere un contributo di 30 euro/mq nel limite del 50 per cento delle spese sostenute per la bonifica.

 
 
 

AMIANTO F.A.Q.


Per ogni domanda non presente in questo documento e per ogni richiesta di chiarimento si può contattare:
Comune di Casale Monferrato
Ufficio Ambiente ed Ecologia
via Mameli, 10 - piano primo
tel 0142 444211
e-mail: tutelaambiente@comune.casale-monferrato.al.it
Orario: dal lunedì al venerdì 10:00-12:00, mercoledì pomeriggio 14:30-16:30


 
 
 

Cosa si intende per manufatti contenenti amianto?

Il cemento-amianto è stato utilizzato per molti prodotti: lastre ondulate, pannelli piani o coibentati, comignoli, tubi di scarico, vasi, bordure aiuole, recinzioni. Per manufatti contenenti amianto in genere si intende il cemento-amianto "compatto", cioè i materiali da costruzione elencati, mentre il materiale friabile nella nostra zona è comunemente detto "polverino": la polvere di scarto che si produceva nella tornitura dei tubi. Sono ancora presenti, in alcuni casi, anche i "feltri": grossi teli che erano usati nel processo produttivo della fabbrica e possono essere contaminati dall'amianto. 

 
 
 

Ho dei manufatti in amianto in una mia proprietà. Cosa devo fare? Quanto dovrò pagare?

Per i manufatti ci sono due possibilità:
1 - partecipare ai bandi del Comune per effettuare la bonifica e, a fattura consegnata, ottenere un contributo (misurato per superficie, è destinato prevalentemente alle bonifiche dei tetti dei fabbricati o di pannelli e feltri: non ci sono limiti di quantità).

2- usufruire del servizio di trasporto gratuito dei pacchi in discarica (maggiori info al link www.comune.casale-monferrato.al.it/amianto-bonifiche-agevolazioni paragrafo Servizio di ritiro a domicilio dei pacchi di lastre in cemento-amianto).Il servizio, è riservato a chi non ottiene il contributo per la rimozione con i bandi periodici ed è stato istituito per incentivare le bonifiche anche di modiche quantità di cemento-amianto. Il trasporto è gratuito fino a 500 mq  di superfici di copertura. È richiesto solo il pagamento di un diritto di accesso per lo smaltimento nella discarica comunale di Casale Monferrato.
Le lastre, adeguatamente imballate, sono ritirate direttamente nei cantieri di bonifica dietro richiesta da presentare al Comune di Casale Monferrato. Questo servizio ritira anche piccoli manufatti, da confezionare in sacchi o big-bags: vasi, bordi aiuole, comignoli, spezzoni di tubi e scarichi.

 
 
 

Ho il sospetto che in cortile o nel sottotetto ci sia del polverino, cosa devo fare?

In caso di sospetto polverino (www.comune.casale-monferrato.al.it/amianto-polverino), è importante segnalare subito la situazione al Comune di Casale Monferrato. Saranno attivate le procedure previste per l'intervento.Per il "polverino" non si seguono i bandi, le segnalazioni possono essere presentate in ogni momento: ARPA e ASL effettuano accertamenti e, se confermato, il sito è comunicato al Ministero Ambiente per il censimento. Seguono progettazione ed esecuzione GRATUITA.

 
 
 

Cos'è il censimento?

Il censimento è il primo passo per poter successivamente partecipare ai bandi e ottenere i contributi. I manufatti devono essere dichiarati dai proprietari compilando l'apposita scheda (scaricabile dalla pagina www.comune.casale-monferrato.al.it/contributi - paragrafo Adempimenti preliminari alla richiesta: il censimento o in distribuzione presso lo Sportello Amianto dell'Ufficio Ambiente del Comune di Casale Monferrato). I "polverini", invece, vengono schedati automaticamente dopo il sopralluogo di ARPA.Tutte le schede sono registrate in un elenco, il Registro Censimento, inviato al Ministero dell'Ambiente e periodicamente aggiornato. Grazie al Registro è possibile quantificare il fabbisogno di fondi allo Stato e richiedere ulteriori finanziamenti se necessario. 
Nota bene: il censimento è solo una schedatura, per richiedere i contributi o il servizio di ritiro a domicilio è necessario presentare apposita domanda.

Oggi il censimento si può fare in qualsiasi momento prima di presentare la domanda di contributo.

 
 
 

Ho acquistato / ereditato un edificio in cui sono presenti coperture in amianto. Cosa devo fare per bonificare?

Prima di tutto puoi rivolgerti all'Ufficio Ambiente ed Ecologia del Comune di Casale Monferrato per verificare se il proprietario precedente aveva provveduto al censimento e partecipato a un bando nel passato. In questo caso non è necessario presentare nuova domanda, si può comunicare il passaggio di proprietà e da quel momento la domanda è automaticamente intestata al nuovo proprietario.

Se non fosse stato ancora censito, si può farlo in qualsiasi momento all'Ufficio Ambiente ed Ecologia (compilando gli appositi moduli pagina http://www.comune.casale-monferrato.al.it/contributi) prima di presentare la domanda per il bando.

 
 
 

Sono a conoscenza di un luogo dove è presente dell'amianto. Come mi devo comportare?

In questi casi puoi fare un esposto (segnalazione) direttamente al Comune di competenza: basta indicare indirizzo e numero civico (se possibile, aggiungere una foto). Il tutto può essere presentato di persona o inviato per posta o via e-mail. Il Comune, a questo punto, farà partire il procedimento che può prevedere l'emissione di un'ordinanza al proprietario del manufatto e il conseguente obbligo di bonifica.

Ricordiamo, per chi volesse mantenere l'anonimato, che è possibile far pervenire le segnalazioni anche attraverso associazioni come, ad esempio, Afeva (Associazione Famigliari Vittime Amianto, via Galeotto del Carretto, 10 Casale Monferrato www.afeva.it - info@afeva.it - tel 0142 336817).

 
 
 

Se invece di abitare a Casale Monferrato fossi di un paese del circondario cambierebbe qualcosa?

Non cambia nulla. Lo Sportello Unico Amianto dell'Ufficio Ambiente ed Ecologia del Comune di Casale Monferrato riceve tutti i cittadini dei Comuni del SIN e gestisce tutte le pratiche di contributo, ritiro pacchi e accesso in discarica. Per gli esposti (segnalazioni), invece, bisogna rivolgersi al Comune dove è situato il fabbricato con amianto degradato.

Il SIN (Sito d'Interesse Nazionale) è composto da 48 Comuni (Casale Monferrato è l'ente capofila) e per tutti valgono le stesse regole e le medesime agevolazioni. I Comuni che ne fanno parte sono: Casale Monferrato, Alfiano Natta, Altavilla Monferrato, Balzola, Borgo San Martino, Bozzole, Camagna Monferrato, Camino, Castelletto Merli, Cella Monte, Cereseto, Cerrina Monferrato, Coniolo, Conzano Monferrato, Frassinello Monferrato, Frassineto Po, Gabiano, Giarole, Mirabello Monferrato, Mombello Monferrato, Moncalvo, Moncestino, Morano Sul Po, Murisengo, Occimiano, Odalengo Grande, Odalengo Piccolo, Olivola, Ottiglio, Ozzano Monferrato, Palazzolo Vercellese, Pomaro Monferrato, Pontestura, Ponzano Monferrato, Rosignano Monferrato, Sala Monferrato, S. Giorgio Monferrato, Serralunga Di Crea, Solonghello, Terruggia, Ticineto, Treville, Trino, Valmacca, Vignale Monferrato, Villadeati, Villamiroglio, Villanova Monferrato.

 
 
 

A chi posso rivolgermi per i lavori di bonifica?

Bisogna contattare una ditta iscritta all'apposito albo e in possesso delle abilitazioni necessarie. L'elenco completo delle ditte abilitate d'Italia, suddiviso per Provincia e aggiornato in tempo reale, è visionabile sul sito dell' Albo Nazionale Gestori Ambientali: www.albonazionalegestoriambientali.it.

Il Comune di Casale Monferrato ha anche avviato una procedura per dar vita a un elenco di ditte che aderiscono all'iniziativa di contenimento dei costi e trasparenza delle procedure per la bonifica delle coperture e dei manufatti in cemento-amianto: www.comune.casale-monferrato.al.it/amianto-ulteriori-incentivi paragrafo Elenco delle aziende per l'attività di bonifica amianto.

 
 
 

Quali ulteriori incentivi esistono oltre ai bandi di contributo?

Oltre al contributo erogato dal Comune attraverso i bandi periodici, è stato siglato un Protocollo d'Intesa con gli Istituti di Credito del territorio, che offrono condizioni di finanziamento agevolate a chi intende effettuare un'operazione di bonifica (www.comune.casale-monferrato.al.it/amianto-banche).

 
 
 

Se nessun bando è aperto, ma io volessi bonificare subito e non ho mai fatto domanda, devo aspettare una prossima apertura?

No. Ora è possibile presentare apposita domanda in via anticipata (si riceverà il contributo all'apertura del primo bando utile). Tutte le informazioni sono al link www.comune.casale-monferrato.al.it/amianto-ulteriori-incentivi-2 paragrafo Presentazione anticipata istanza.