testata per la stampa della pagina
Foto Titti Palazzetti

Il Sindaco

Concetta Palazzetti

Deleghe:

  1. Coordinamento delle attività per le bonifiche da amianto e le politiche sanitarie correlate
  2. Segreteria generale
  3. Affari generali
  4. Risorse umane
  5. Sanità
  6. Welfare
  7. Rapporti con enti territoriali

Contatti:

Sindaco
E-mail: sindaco@comune.casale-monferrato.al.it
Telefono: 0142 444218

Proclamato eletto il 09.06.2014
Estratto verbale operazioni dell'ufficio Elettorale
Durata del mandato: 5 anni

 
 
  • Piu' informazioni

    Sono nata nel 1949 a Porto San Giorgio, nelle Marche. Ho trascorso i primi anni dell'infanzia a Mogadiscio in Somalia, dove mio padre, ufficiale dei Bersaglieri, era in servizio. Nel 1956 insieme alla mia famiglia sono giunta a Casale che considero la mia città. A Casale ho studiato fino alla maturità classica al Liceo Balbo, dove ho conosciuto mio marito Luigi Boda - poi ingegnere e dirigente alla Cerutti - che ho sposato nel 1972 e con cui vivo tutt'ora. Abbiamo due figli: Giovanna, che attualmente vive e lavora a Roma come Dirigente del Ministero dell'Istruzione, e Pierluigi, che vive a Bruxelles - lavora all'Unione Europea - e che mi ha reso nonna di due bellissime bimbe.

    A 21 anni, dopo la Laurea in Lettere all'Università di Torino, ho cominciato subito ad insegnare. Nel 1993 ho vinto il concorso nazionale per la dirigenza scolastica: sono diventata preside dell'lstituto Comprensivo Francesco Negri di Casale e dal 1997 al 2009 anche del Centro Territoriale Statale per l'Educazione degli Adulti.

    Mi sono sempre occupata di scuola. Dal 1995 al 1999, come Assessore all'istruzione e ai giovani del Comune di Casale, ho portato avanti progetti importanti per la nostra comunità. Fra questi: la nascita della sede universitaria, le iniziative per l'integrazione degli alunni disabili, la consulta dei giovani per l'educazione alla cittadinanza attiva, la formazione a tappeto per i docenti, la creazione del primo centro per l'educazione per adulti della Provincia, diventato poi un polo di eccellenza nazionale.

    Nel 2002, nell'ambito dell'educazione alla cittadinanza, ho avviato l'educazione alla legalità e contro le mafie nelle scuole di Casale e del territorio. Da allora organizzo la partecipazione di alunni e docenti allaNave della legalità , che ogni 23 maggio approda a Palermo per commemorare i Giudici Falcone e Borsellino, uccisi dalla mafia.

    Nel 2005 ho ricevuto dal Ministero dell'Istruzione l'incarico di coordinare tutti i Centri di istruzione per gli adulti del Piemonte. Incarico che svolgo tutt'ora.

    Dal 2002 al 2009 sono stata presidente della Consulta Femminile di Casale, sempre eletta all'unanimità. Grazie al lavoro svolto con tante amiche di diverse culture e orientamenti politici, sono state realizzate con entusiasmo e determinazione iniziative utili a promuovere la cultura delle pari opportunità, contro la violenza alle donne, incontri e corsi di formazione, convegni, occasioni di confronto, concorsi letterari.

    Nel 2007 sono stata nominata dal Presidente Giorgio Napolitano Ufficiale della Repubblica per l'attività svolta a favore dell'integrazione della promozione culturale e sociale e per l'innovazione didattica. Nel 2009 sono stata eletta dai cittadini di Casale consigliere comunale per il Centrosinistra.

    Svolgo attività di volontariato nel gruppo Vincenziano del Duomo, continuo ad occuparmi di giovani e scuola gratuitamente in qualità di membro del Tavolo Nazionale del Ministero dell'Istruzione per l'educazione dei minori in carcere e degli adulti; ho realizzato progetti contro la microcriminalità e la dispersione scolastica nel Comune di Caivano,Terra dei fuochi ; a Lampedusa ho collaborato con il sindaco Giusi Nicolini all'accoglienza dei minori non accompagnati; ho collaborato alla riorganizzazione del Museo della Liberazione di Roma e progettato il Museo della Resistenza di Condove.

    Ritengo che la società civile abbia il dovere di mettersi in gioco quando la situazione lo richiede. In particolare credo nel lavoro e nell'impegno sociale e politico delle donne, perché come donna conosco la nostra forza, la nostra capacità di sacrificio, la nostra tenacia, la nostra concretezza e la nostra determinazione. Insieme uomini e donne, giovani e meno giovani, possiamo superare l'indifferenza e la rassegnazione e ritrovare l'entusiasmo per fare di Casale una città capace di futuro.

    Titti Palazzetti



 
Ultima Modifica: 27 Ottobre 2017
Valuta questo sito: Rispondi al questionario