testata per la stampa della pagina

Approfondimenti

Amianto e Aria

In considerazione della presenza diffusa di manufatti contenenti amianto (MCA) e utilizzi impropri (polverino in sottotetti e cortili) sul territorio del Sin di Casale Monferrato, Arpa Piemonte ha ritenuto significativo procedere con un'indagine estesa all'intero ambito perimetrato, finalizzata ad accrescere la conoscenza del territorio e a evidenziare la presenza di eventuali situazioni critiche.

In fase di programmazione della prima campagna sono stati individuati, mediante sopralluoghi congiunti con personale delle amministrazioni comunali, i punti di monitoraggio per ciascun Comune.
Criteri:

  • zone  ad  alta  densità  di  frequentazione  (es.  centri  cittadini,  case comunali, pro-loco, chiese, ecc.)
  • potenziali bersagli ad alta vulnerabilità (es. asili, scuole, ospedali, ecc.)
  • zone scelte in collaborazione con  le amministrazioni comunali,  tenuto conto  dei  dati  del  censimento  pregresso  (es.  presenza  di  polverino, coperture  di  estensione  significativa,  ecc.)  e  delle  ulteriori  informazioni eventualmente acquisite


Accanto ai dati di Arpa, il Centro Regionale Amianto stila un'attenta analisi contenuta nella Valutazione del rischio, in cui si mettendo a raffronto ambiente e salute.

vai alla pagina con i dati dei monitoraggi e le valutazioni del rischio

 
 

Piano Nazionale Amianto

Il Piano è stato elaborato dai Ministeri della Salute, dell'Ambiente e del Lavoro. Approvato dal Governo il 21 marzo 2013, è scaturito dalla II Conferenza governativa sulle patologie asbesto-correlate, che si è tenuta a Venezia dal 22 al 24 novembre 2012, a distanza di tredici anni dalla prima.

A Casale Monferrato è stato presentato dall'allora Ministro Renato Balduzzi lunedì 8 aprile 2013.

 
 
 
Ultima Modifica: 26 Ottobre 2017
Valuta questo sito: Rispondi al questionario