testata per la stampa della pagina

AFFITTI CONCORDATI

L'accordo è stato sottoscritto in data 18 marzo 2015 dai Sindacati dei Proprietari e dai Sindacati degli Inquilini.
 
L'accordo, firmato da Franco Repetto (Associazione Piccoli Proprietari Case), Claudio Noè (Confedilizia), Matteo Pozzi (Unione Piccoli Proprietari Immobiliari), Bruno Pasero (Sunia - Cgil), Gian Paolo Demartini (Sicet - Cisl) e Maria Gabriella Beltrand (Unit - Uil) e validato dal sindaco Titti Palazzetti, permette di ottenere una serie di agevolazioni per chi stipulerà contratti d'affitto conformi a quanto indicato nel documento.
 
Tra le principali opportunità dei contratti concordati c'è la possibilità di usufruire, per i proprietari, della cedolare secca al solo 10 per cento di tasse sull'affitto, mentre l'inquilino ha la certezza di usufruire di canoni agevolati senza aumenti per l'intera durata del contratto.Ulteriori agevolazioni, inoltre, sono previste per chi affitta immobili in classe energetica elevata: un incentivo, quindi, a ristrutturare gli alloggi con una particolare attenzione al risparmio energetico.
L'affitto concordato è una tipologia di contratto che consente sgravi fiscali per i proprietari e prevede canoni calmierati dando seguito a quanto disposto dalla legge 431/98 sulle locazioni e in attuazione del Decreto Ministeriale 30/12/2002.

In base all'Accordo Territoriale, l'intera area comunale viene divisa in quattro zone omogenee, rispettivamente:
A1 Centro Città: Lungo Po, Ferrovia, Corso Indipendenza, Corso Valentino, Lungo Canale Lanza, Via S. Anna, Piazza Castello
A2 Area Intermedia: Lungo Po, Nuova Casale sino all'Argine Malpensata, Porta Milano, Strada Valenza, Valentino, Priocco, Salita S. Anna, Ronzone
A3 Area Esterna / Periferica Borgata Rolasco - Vialarda - Frazione Roncaglia, San Germano - zone collinari al confine comuni di San Giorgio e Rosignano)e Area esterna / Periferica
A4 : tutte le restanti porzioni di territorio, compresi i sobborghi non presenti al punto "A3".
 
Per ciascuna area sono state individuate diverse sub fasce, tenuto conto delle tipologie degli appartamenti: per ogni sub fascia è stato quindi stabilito un valore minimo ed un valore massimo, all'interno dei quali, secondo le caratteristiche dell'unità immobiliare e dell'edificio (dimensione degli alloggi, dotazioni strutturali, pertinenze, manutenzione e superficie, dotazione impianti tecnici ecc.) è concordato tra le parti il canone per il singolo contratto di affitto calmierato, che prevede una durata contrattuale di tre anni.

 

Documentazione

 

Se si è stipulato un contratto concordato è possibile usufruire dell'agevolazione Imu prevista dalla normativa vigente. L'applicazione dell'agevolazione deve essere comunicata all'Ufficio Tributi tramite il modello scaricabile cliccando qui.

 
 
 
Ultima Modifica: 26 Ottobre 2017
Valuta questo sito: Rispondi al questionario