testata per la stampa della pagina

Imprese e Start-up

 

Premio Alamo per giovani imprenditori

logo premio alamo 2019

Il Premio si rivolge a persone fisiche o team, società costituite da meno di sei mesi dalla domanda di partecipazione (età compresa tra i 18 e I 35 anni), e verrà assegnato da un Comitato di Valutazione, alle idee che si distingueranno per validità ed efficacia e che saranno accompagnate da un piano economico sostenibile.
Al primo classificato sarà destinato un premio in denaro di 10.000 Euro, al secondo un premio di 6.000 Euro, al terzo un premio di 3.000 Euro.

La partecipazione, gratuita, avviene scaricando il modulo di partecipazione e il regolamento ed inviando un pdf con la presentazione del progetto alla casella di posta elettronica: info@fondazionealamo.it
E' possibile inviare la propria candidatura fino a lunedì 18 novembre 2019.

Vai al sito dedicato




 
 

Bando per le imprese promosso dalla Regione Piemonte

logo regione piemonte

Sostegno al sistema di garanzie in favore delle Piccole e medie imprese piemontesi attraverso l'integrazione dei fondi rischi dei Confidi.
Rivolto ad imprese e liberi professionisti.

Domande dal 14/06/2019 

I Confidi si impegnano a mettere a disposizione delle MPMI la relativa modulistica per la presentazione delle domande e a dare la massima diffusione alla misura.

Le domande per la concessione della garanzia dovranno essere presentate dalle MPMI a uno dei Confidi selezionati fino al 30/11/2021.

Per ulteriori informazioni consulta il bando al link



 
 

MIP: METTERSI IN PROPRIO

LOGO mip

Se una persona desidera aprire un'azienda, un'attività commerciale, o ha un'idea per un'iniziativa imprenditoriale all'interno del territorio provinciale, può usufruire del servizio MIP - Mettersi in Proprio - che la Regione offre come supporto alla creazione di nuove imprese.

È sufficiente contattare il numero verde 800146 766 per avere informazioni sul lavoro in proprio e fissare un appuntamento con un consulente presso lo Sportello di accoglienza di Casale Monferrato,in via Magnocavallo n. 13.

Il tutor ti aiuterà ad analizzare i diversi elementi che definiscono un'impresa, a valutare la fattibilità del tuo progetto, e se ne esistono i presupposti il business plan.

Per ulteriori informazioni, è possibile visitare il sito www.mettersinproprio.it.

 
 


 

 
 
 

Nuove opportunità per l'imprenditoria femminile

Si aprono per le donne nuove porte di accesso al lavoro autonomo: l'impegno del Dipartimento per le pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei ministri è dedicato a facilitare l'accesso al credito per le imprenditrici, le professioniste e le lavoratrici autonome.

Per informazioni clicca qui

 
 

Fondo Regionale di garanzia per il Microcredito

immagine per piemonte crea lavoro

Fondo Regionale di garanzia per il Microcredito

E' lo strumento della Regione Piemonte per favorire la concessione di crediti a soggetti non bancabili che vogliano avviare attività imprenditoriali e di lavoro autonomo.
I soggetti non bancabili sono le persone che non hanno la possibilità di fornire alle banche una garanzia reale né una valida garanzia personale da parte di terzi e che non riescono quindi a sviluppare attività imprenditoriali o di lavoro autonomo.
Possibilità di accedere ad un finanziamento da 3.000 a 25.000 euro.

DOVE RIVOLGERSI: 
Sportello Casale Monferrato (copre tutta la Provincia insieme ad Acqui Terme) Ufficio Pastorale Sociale del Lavoro
Responsabile: Claudio Debetto 
Via Trino 21 - Casale Monferrato 
Tel: 0142 454147
E-mail: segreteria@caritas-casale.it microcredito@caritas-casale.it 

Per informazioni clicca qui

 
 

Contributi e agevolazioni della Regione Piemonte


Per informazioni sui bandi attivi clicca qui

 

Sportello provinciale creazione d'impresa

La Provincia di Alessandria mette a disposizione uno sportello dedicato alla creazione d'impresa. Gli interessati possono fissare un appuntamento telefonando al Centro per l'Impiego di Alessandria. (Tel. 0131-303370 - 303367 - Fax 0131-303351- E-mail: cpi.alessandria@provincia.alessandria.it).
Al primo incontro preliminare seguiranno altri interventi di guida e consulenza fino alla preparazione del Business Plan. Una volta che il Business Plan è stato validato dalla Provincia di Alessandria, è possibile accedere alle agevolazioni: 
 
Contributi a fondo perduto
Sono previsti contributi a fondo perduto in misura forfetaria per la fase di avvio dell'attività pari a Euro 3.000 per il titolare dell'impresa e ciascun socio (fino ad un massimo di tre soci) appartenenti a determinate  categorie soggettive. A tale contributo si aggiungono Euro 1.000 per il titolare dell'impresa e ciascun socio (fino ad un massimo di tre soci) in caso gli imprenditori siano giovani sotto i 35 anni o donne.
Il contributo minimo riconoscibile è pertanto pari a  3.000 euro in caso di impresa individuale non femminile e non giovane, mentre il contributo massimo riconoscibile ad una società non eccede i 12.000 euro in caso di soci giovani sotto i 35 anni o donne.

Finanziamenti agevolati
E' prevista la possibilità di richiedere finanziamenti sono al 100% delle spese per la realizzazione di investimenti, ovvero
*acquisto macchinari e/o automezzi strumentali all'attività
*opere murarie, impianti elettrici, idraulici, ristrutturazioni in genere, impianti tecnici nonché spese di progettazione
*acquisto di arredi strumentali
*acquisto attrezzature e/o apparecchiature informatiche e relativi programmi applicativi
*spese per la realizzazione del logo e/o del sito internet (per non più di Euro 3.000)

Ulteriori informazioni sul sito della Regione Piemonte (link esterno)

 

Agevolazioni per assunzioni

Diversi sono gli incentivi /agevolazioni per le imprese che assumono personale:

Assunzione di GIOVANI
L'incentivo è destinato a tutti i datori di lavoro privati, anche non imprenditori, in caso di assunzione di giovani:
- con età compresa tra i 16 e i 29 anni, aumentato a 34 per le assunzioni che avvengono nel 2018;
- che non abbiano mai avuto rapporti d'impiego a tempo indeterminato.

L'incentivo spetta per le assunzioni a tempo indeterminato o le stabilizzazioni di contratti a termine, anche part-time ed è strutturale, ovvero non prevede un termine di scadenza.
L'incentivo è fruibile a partire dalla data di assunzione del lavoratore e riguarda:
- il 50% dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro nella misura massima di 3.000,00 euro annui per ogni lavoratore assunto a tempo indeterminato;
- per un periodo complessivamente pari a 36 mesi.

Sgravi contributivi alternanza scuola - lavoro

A norma della Legge di bilancio 2018, è possibile assumere a tempo indeterminato, fruendo per tre anni di un esonero contributivo totale, entro il massimo annuo di 3.000 euro, lavoratori che abbiano svolto, presso il medesimo datore di lavoro:- attività di alternanza scuola - lavoro, per almeno il 30% delle ore previste;
- periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale o periodi di apprendistato in alta formazione.

Assunzione di over 50 e donne 
Le assunzioni agevolate over 50 e donne permettono una riduzione del 50% dei contributi Inps e Inail posti a carico del datore di lavoro, per l'assunzione di ultracinquantenni disoccupati da almeno 12 mesi; donne prive di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi, residenti in Basilicata, Campania, Calabria, Puglia, Sicilia e alcuni territori del Centro - Nord, ovvero da almeno 24 mesi, ovunque residenti; donne prive di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi, per professioni o settori di attività caratterizzati da un alto tasso di disparità uomo - donna (agricoltura, costruzioni, trasporti, energia, industria manifatturiera, comunicazioni).

La durata dello sgravio è pari a:
- 12 mesi in caso di assunzione a termine;
- 18 mesi in caso di assunzione o trasformazione a tempo indeterminato.

Assunzione GIOVANI GENITORI
Per favorire le assunzioni a tempo indeterminato di soggetti iscritti alla "Banca dati per l'occupazione dei giovani genitori" è disponibile un incentivo economico erogato dall'INPS:- per un valore massimo di 5.000,00 euro per ogni assunzione;- applicabile fino al limite di cinque assunzioni per ogni singola azienda;- assegnato nel limite dell'importo complessivamente stanziato pari a 51 milioni di euro;- cumulabile con altri incentivi previsti dalle norme vigenti.

Assunzione LAVORATORI LICENZIATI DA IMPRESE IN CRISI
I datori di lavoro che assumono lavoratori licenziati da imprese in crisi e impegnati in percorsi di ricollocazione possono fruire dell'esonero dal versamento del 50 per cento dei contributi previdenziali, nel limite massimo di importo pari a 4.030 euro su base annua e per una durata variabile a seconda del tipo di impiego: in particolare, per 18 mesi in caso di assunzione con contratto a tempo indeterminato. Il lavoratore invece beneficia dell'esenzione dal reddito imponibile ai fini IRPEF delle somme percepite in dipendenza della cessazione del rapporto di lavoro, entro il limite massimo di 9 mensilità della retribuzione.

Assunzione di personale in sostituzione di lavoratore in maternità/paternità
Per le assunzioni con contratto a tempo determinato o temporaneo in sostituzione di lavoratrici/lavoratori che, in qualità di "genitori", fruiscono dei congedi previsti dalla legge, è riconosciuta una riduzione pari al 50% dei contributi previdenziali INPS e dei premi assicurativi INAIL a carico del datore di lavoro ( D.Lgs. 26 marzo 2001, n. 151, art. 4). La riduzione spetta fino al compimento di un anno di età del figlio della lavoratrice/lavoratore in congedo. Possono fruire dell'agevolazione i datori di lavoro che occupano meno di 20 dipendenti.

Assunzione di percettore di NASPI
L'assunzione a tempo pieno e indeterminato di lavoratori disoccupati beneficiari della NASpI è incentivata con un bonus pari al 50% dell'indennità mensile NASpI residua che sarebbe stata corrisposta al lavoratore.




 

Bonus tutoring aziendale per le aziende

Il progetto di formazione e occupazione Fixo è in favore dei giovani in transizione istruzione-lavoro e volte allo sviluppo del placement nelle scuole, università e nei centri di formazione professionale.​
Dopo le risorse stanziate nella Legge di Bilancio 2018, arrivano altre novità positive per il sistema duale.
Anpal Servizi ha comunicato la proroga al 31 marzo 2018 dell'avviso pubblico che concede dei benefici alle aziende che svolgono attività di tutoraggio legata a percorsi di alternanza o di apprendistato di I livello. La misura vuole favorire la transizione dal mondo della scuola a quello del lavoro, supportando quelle imprese che hanno aderito alla sperimentazione.Ricordiamo che le tipologie di contributo concesse sono due: fino a 3 mila euro per 12 mesi per il tutoraggio relativo all'apprendistato e fino a 500 euro annui per il quello legato all'alternanza scuola lavoro.
Per inviare la domanda utilizzare esclusivamente il link qui riportato.

 
 
 
 
 
Ultima Modifica: 07 Agosto 2019
Valuta questo sito: Rispondi al questionario