testata per la stampa della pagina

Teatro Municipale - Storia

logo teatro municipale

Il Teatro Municipale di Casale Monferrato fu costruito a partire dal 1785, su disegno dell'abate spoletino Agostino Vitoli.

La costruzione, disposta su quattro ordini di palchi e loggioni, è un vero gioiello di stucchi, dorature e velluti. Inaugurato il 26 novembre 1791 con un'opera inedita di Vincenzo Fabrizio, intitolata La moglie capricciosa, il teatro fu chiuso durante l'epoca francese e poi sottoposto ad un radicale restauro interno durante il regno carloalbertino.

Tra gli artisti che operano in teatro sono ricordati il pittore e intagliatore Leone Brizi per le decorazioni e gli stucchi dei palchi, il pittore Angelo Moja per l'affresco delle Muse sul plafone e il più famoso Abbondio Sangiorgio (autore del monumento equestre di Carlo Alberto in Piazza Mazzini) per le Cariatidi del palco reale.

La riapertura avviene nel 1840 con La Beatrice di Tenda di Vincenzo Bellini (da ricordare che Beatrice era moglie del condottiero casalese Facino Cane).

 
l'interno del teatro municipale
L'interno del Teatro Municipale

 Il 5 gennaio 1861 il teatro fu ceduto dalla Società dei Nobili al Comune di Casale diventando più fruibile alla cittadinanza, ma una serie crescente di difficoltà ne impongono la chiusura.

Durante l'ultimo conflitto è ridotto a magazzino, poi la chiusura definitiva fino al recente restauro.

Fu poi inaugurato con una performance di Vittorio Gassman Brindisi per un teatro domenica 4 marzo 1990.

Oggi gli spettacoli di teatro, musica e danza in cartellone sono un punto di riferimento importante del panorama culturale casalese.

Il teatro è utilizzato anche per convegni e incontri culturali di prestigio.

 
 
 

LINK

 









 
 
 
Ultima Modifica: 23 Luglio 2018