testata per la stampa della pagina
.

Scuola Secondaria di I grado "Dante Alighieri" (classe I B)

 

Giovanni Domenico Bremio - Approfondimenti

 
 
ritratto di andrea trevigi

GIOVANNI DOMENICO BREMIO

(Casale Monferrato, 1590 - 1663)

Nacque a Casale Monferrato nel 1590, e fu speciaro, cioè farmacista, come suo padre Girolamo, originario di Villanova Monferrato, dove nel primo Novecento, ai tempi in cui scriveva Giuseppe Giorcelli, il maggiore studioso di Bremio, esistevano parecchie famiglie con questo cognome. Dal momento che tra i compaesani erano noti con la forma popolare «Bremide», lo storico moderno arguiva che la loro provenienza potesse ascritta alla terra di Bremide, nella vicina Lomellina.
Giunti a Casale, comunque, i familiari del cronista secentesco diedero al loro cognome la forma latina, «Bremius», da cui discese Bremio.
Girolamo era uno dei principali farmacisti di Casale, tanto da pagare, nell'anno 1619, ben 14 scudi d'argento del Monferrato per la Ricchezza Mobile, una tassa graduale imposta ai casalesi già dal 1609 dal duca Vincenzo I Gonzaga per le spese della manutenzione della Cittadella. 
Giovanni Domenico, dal suo canto, compiuti i primi studi a Casale, seguì corsi di farmacia presso l'Università di Pavia. Tornato a casa, alla morte del padre ereditò la farmacia, distinguendosi, durante l'assedio che oberò Casale per quasi dodici mesi, tra il 1628 e il 1629, così come in quello del 1630, per la somministrazione di medicinali ai poveri della città, come testimoniato dai Registri dell'Opera Pia della Misericordia. Si sposò ed ebbe numerosi figli.
Fu cronista preciso nelle ricostruzioni, spesso pignolo, ma estremamente coerente; puntuto nelle sue critiche agli assedianti, seppur di non eccelsa penna. Scrisse gli Annali casalesi in cui, nella rovinosa guerra per il possesso del ducato di Mantova e del Monferrato, che oppose, tra il 1628 e il 1631, Carlo Emanuele duca di Savoia e Carlo I di Gonzaga-Nevers, si schierò apertamente con quest'ultimo. A lui vengono attribuite anche la Cronaca Monferrina (1613-1661) e un'inedita relazione sull'assedio di Casale Monferrato del 1640. Alcuni suoi manoscritti recano lo pseudonimo «Il Veridico Casalasco».
Morì nel 1663, come risulta dal Registro dei Morti dell'Archivio Capitolare, consultato dal Giorcelli: «Anno 1663, die 22. Martii. - D. Jo. Dominicus Bremius, aetatis annorum 73. Cir., intra Parr. S. Evasii, et eius cadaver in Ecclesia S.ti Francisci sepultus fuit». 
Nel Catalogo degli Illustri Scrittori di Casale, scritto dal canonico Gioseffantonio Morano nel 1771, viene indicato con il nome di Gerolamo e quale autore del Filauro Istoriale, «un volume dì istorie de' suoi tempi, cioè dal 1613 al 1660, [...] quale non ho veduto stampato».

 
 

Link

 
 










 
 
 
Ultima Modifica: 17 Luglio 2018