testata per la stampa della pagina

Breve storia di Casale Monferrato

antica pianta della città

Sull'area casalese a destra del Po era sorto in epoca ligure o celto-gallica un agglomerato che con il nome di Vardacate divenne municipium romano. Dopo le distruzioni barbariche per la prima volta appare in un documento dell'archivio capitolare il nome di Casale di Sant'Evasio nel 988, dal nome del Vescovo di Asti che cristianizzò il borgo. Entrato a far parte della marca del Monferrato sotto Aleramo, dopo la dominazione longobarda, il borgo fu distrutto nel 1215 da parte dei Vercellesi, con l'aiuto di Milanesi e Alessandrini.

Il comune risorge comunque poco dopo la sconfitta; estinta nel 1305 la dinastia degli Aleramici, sotto i Paleologi di Bisanzio diventa capitale del marchesato e, sotto il regno di Guglielmo VIII, nel 1474 sede di diocesi ottenendo il meritato titolo di città. E' l'inizio di un periodo di grande rinascimento politico, religioso e culturale. Nel 1559 il trattato di Cateau Cambresis assegna il dominio ai Gonzaga di Mantova, che fortificano la cittadina. 

Per tutto il Seicento Casale è sottoposta agli assedi di Spagnoli e Francesi fino alla pace di Utrecht del 1713, con il passaggio ai Savoia e la perdita del ruolo di capitale. Durante la guerra della Prammatica Sanzione per la successione al Trono d'Austria, l'occupazione di gallo-ispani nel 1745 causa gravi danni a chiese e conventi. Subito dopo Casale fu investita dal vento barocco e per l'impegno dei nobili borghesi, nacque una elegante architettura nelle chiese e nei palazzi, tuttora ammirata. 

Arrivò la bufera francese e nell'epoca napoleonica, per riconoscimento di Bonaparte, Casale ebbe qualche miglioramento (Tribunale, Liceo, Caserme). Con la sconfitta di Novara resistette ad oltranza alle truppe austriache. Nella seconda Guerra d'Indipendenza fu il fulcro della strategia francopiemontese.Alla fine dell'800 Casale divenne "capitale del cemento" e nel '900 trasformò a fatica le proprie imprese verso il settore dei frigoriferi e delle macchine da stampa.

 
 
 
 
 
Ultima Modifica: 26 Ottobre 2017