testata per la stampa della pagina

Protezione Civile - Norme comportamentali

 

Rischio idraulico idrogeologico

 
  • Norme di autoprotezione 

    • Mantenere sempre la calma
    • Attenersi alle istruzioni delle Autorità competenti
    • Non soggiornare e/o dormire a livelli inondabili
    • Non usare il telefono, sia fisso che cellulare, se non in caso di reale necessità
    • Non intasare le linee telefoniche (fisse e mobili) con comunicazioni non urgenti
    • Tenersi informati, tramite radio e televisione, sull'andamento dell'evento
    • Lasciare libere le vie di comunicazione ai mezzi di soccorso
    • Non recarsi nelle zone colpite dall'evento
    • Prestare attenzione a parcheggi e garage sotto livello stradale, all'attraversamento dei sottopassi, alla sosta su passerelle e ponti e/o nei pressi di argini di fiumi e torrenti
    • Prestare attenzione ad eventuali nuove comunicazioni, in particolar modo in caso di peggioramento
    • Limitare gli spostamenti, specie con veicoli privati, a quelli strettamente necessari
    • Lasciare il passo ai mezzi di soccorso impegnati, se dotati di dispositivi d'emergenza accesi (lampeggianti e/o sirena), accostando a destra
    • Evitare di percorrere strade storicamente coinvolte da episodi di frane o smottamenti: percorrere percorsi alternativi più sicuri anche se più lunghi
    • Evitare di percorrere strade e sottopassi allagati anche se ad occhio sembrerebbe di riuscire a passarci: percorrere percorsi alternativi anche se più lunghi
    • Se si è in giro per strada, cercare di portarsi verso le zone più elevate del territorio
    • Rispettare scrupolosamente la segnaletica stradale fissa (collocata per prevenire pericoli permanenti) e prestare particolarmente attenzione a quella mobile (collocata per preannunciare o evitare pericoli immanenti)
    • Non forzare, per nessun motivo, i divieti di transito imposti con transenne e obblighi direzionali: gli stessi indicano la presenza di un pericolo, anche se apparentemente non visibile
    • Ascolta la radio o guarda la televisione per apprendere eventuali avvisi di condizioni meteorologiche avverse o di allerte di protezione civile
    • Ricorda che durante e dopo le alluvioni, l'acqua dei fiumi è fortemente inquinata e trasporta detriti galleggianti che possono ferire o stordire. Inoltre, macchine e materiali possono ostruire temporaneamente vie o passaggi che cedono all'improvviso
    • Poni al sicuro la tua automobile in zone non raggiungibili dall'allagamento nei tempi e nei modi individuati nel piano di emergenza del tuo Comune
    • In ogni caso, segui le indicazioni della protezione civile e del tuo Comune
 

EMERGENZA

 
  • Prima dell'evento

    • è utile avere sempre a disposizione una torcia elettrica e una radio a batterie, per sintonizzarsi sulle stazioni locali e ascoltare eventuali segnalazioni utili
    • metti in salvo i beni collocati in locali allagabili, solo se sei in condizioni di massima sicurezza
    • assicurati che tutte le persone potenzialmente a rischio siano al corrente della situazione
    • se abiti a un piano alto, offri ospitalità a chi abita ai piani sottostanti e viceversa se risiedi ai piani bassi, chiedi ospitalità. NON USARE L'ASCENSORE!
    • poni delle paratie a protezione dei locali situati al piano strada e chiudi o blocca le porte di cantine o seminterrati
    • se non corri il rischio di allagamento, rimani preferibilmente in casa
    • insegna ai bambini il comportamento da adottare in caso di emergenza, come chiudere il gas o telefonare ai numeri di soccorso
  • Durante l'evento

    In casa

    • chiudi il gas, l'impianto di riscaldamento e quello elettrico
    • presta attenzione a non venire a contatto con la corrente elettrica con mani e piedi bagnati
    • sali ai piani superiori senza usare l'ascensore
    • non scendere assolutamente nelle cantine e nei garage per salvare oggetti o scorte
    • non cercare di mettere in salvo la tua auto o i mezzi agricoli: c'è pericolo di rimanere bloccati dai detriti e di essere travolti dalla corrente
    • evita la confusione e mantieni la calma
    • aiuta i disabili e gli anziani del tuo edificio a mettersi al sicuro
    • non bere acqua dal rubinetto di casa: potrebbe essere inquinata

    --------
    Fuori casa

    • non uscire a piedi o con la macchina per andare a prendere i figli a scuola perché mettereste a rischio la vostra e quella dei vostri bambini
    • evita l'uso dell'automobile se non in casi strettamente necessari
    • se sei in auto, non tentare di raggiungere comunque la destinazione prevista, ma trova riparo nello stabile più vicino e sicuro
    • evita di transitare o sostare lungo gli argini dei corsi d'acqua, sopra ponti o passerelle
    • fai attenzione ai sottopassi: si possono allagare facilmente
    • se sei in gita o in escursione, affidati a chi è del luogo: potrebbe conoscere delle aree sicure
    • allontanati verso i luoghi più elevati e non andare mai verso il basso
    • evita di passare sotto scarpate naturali o artificiali
    • non ripararti sotto alberi isolati
    • usa il telefono solo per casi di effettiva necessità per evitare sovraccarichi delle linee
    • raggiunta la zona sicura, presta la massima attenzione alle indicazioni fornite dalle autorità di protezione civile, attraverso radio, TV e automezzi ben identificabili della protezione civile
    • evita il contatto con le acque. Sovente l'acqua può essere inquinata da petrolio, nafta o da acque di scarico. Inoltre può essere carica elettricamente per la presenza di linee elettriche interrate
    • evita le zone dove c'è ancora acqua in movimento
    • fai attenzione alle zone dove l'acqua si è ritirata. Il fondo delle strade può essere indebolito e potrebbe collassare sotto il peso di un'automobile
    • getta i cibi che sono stati in contatto con le acque dell'alluvione
    • presta attenzione ai servizi, alle fosse settiche, ai pozzi danneggiati. I sistemi di scarico danneggiati sono serie fonti di rischio

    --------
    Da tenere a portata di mano

    È utile inoltre avere sempre in casa, riuniti in un punto noto a tutti i componenti della famiglia, oggetti di fondamentale importanza in caso di emergenza quali:

    • kit di pronto soccorso + medicinali
    • generi alimentari non deperibili
    • scarpe pesanti
    • scorta di acqua potabile
    • vestiario pesante di ricambio
    • impermeabili leggeri o cerate
    • una o più torce elettriche con pila di riserva
    • radio e pile con riserva
    • coltello multiuso
    • fotocopia documenti di identità
    • chiavi di casa
    • valori (contanti, preziosi)
    • carta e penna
  • Dopo l'evento

    • Prima di abbandonare la zona di sicurezza accertarsi che sia dichiarato ufficialmente il CESSATA ALLERTA
    • Mantenere sempre la calma
    • Attenersi alle istruzioni delle Autorità e seguire le indicazioni prima di intraprendere qualsiasi azione, come rientrare in casa, spalare fango, svuotare acqua dalle cantine, ecc.
    • Non transitare lungo strade allagate: potrebbero esserci voragini, buche, tombini aperti o cavi elettrici tranciati. Inoltre, l'acqua potrebbe essere inquinata da carburanti o altre sostanze
    • Fare attenzione anche alle zone dove l'acqua si è ritirata: il fondo stradale potrebbe essere indebolito e cedere
    • Verificare se è possibile riattivare il gas e l'impianto elettrico. Se necessario, chiedere il parere di un tecnico
    • Prima di utilizzare i sistemi di scarico, informarsi che le reti fognarie, le fosse biologiche e i pozzi non siano danneggiati
    • Prima di bere l'acqua dal rubinetto assicurarsi che ordinanze o avvisi comunali non lo vietino; non mangiare cibi che siano venuti a contatto con l'acqua dell'alluvione: potrebbero essere contaminati

EVACUAZIONE

 
  • Come prepararsi

    PRIMA di abbandonare l'abitazione:

    1. Provvedere al trasferimento dei mobili e suppellettili ai piani superiori dell'abitazione
    2. Accertarsi di avere scorte sufficienti di viveri per almeno 24 ore
    3. Chiudere il gas
    4. Svuotare il frigorifero e freezer eliminando tutto ciò che può deteriorarsi
    5. Sconnettere l'energia elettrica
    6. Accertarsi che non vi siano animali in gabbia o alla catena. Se non fosse possibile portarli con sé e non potessero essere presi in carico dalla protezione civile, sarebbe meglio lasciarli liberi

    --------
    COSA PORTARE CON SÉ:

    1. Limitare il bagaglio
    2. Borsa con effetti di valore, documenti personali e tesserino sanitario
    3. Se si è soggetti a particolari patologie, portare referti medici e medicinali che si debbano assumere
    4. Borsa con il necessario per soggiornare fuori casa per alcuni giorni (calze, intimo, scarpe comode, ciabatte, tuta da ginnastica o abbigliamento comodo, maglione, asciugamano, oggetti per igiene personale, coperta, torcia elettrica con pile di ricambio, se ci sono bambini piccoli: latte in polvere o omogeneizzati)

    --------
    NORME DI COMPORTAMENTO:

    1. Mantenere la calma
    2. Non aspettare l'ultimo momento per lasciare la casa
    3. Non spingere, non gridare, non correre
    4. Seguire i percorsi indicati da volontari, forze dell'ordine o personale comunale e le istruzioni impartite
    5. Raggiungere al più presto la zona di raccolta
  • Cosa fare

    REGISTRAZIONE
    Gli evacuati devono recarsi nelle aree di attesa stabilite dove saranno registrati, invitati a raggiungere i parenti o accolti. Se le persone hanno un luogo dove andare, dopo la registrazione potranno andarsene, altrimenti lasceranno l'auto nel posteggio a loro indicato e raggiungeranno le aree o strutture di accoglienza a piedi o con pullman.

    Aree di ricovero auto:
    Le aree che possono ospitare gli autoveicoli dei residenti sfollati sono le seguenti:

    • Piazza Castello per le auto della Frazione Oltreponte
    • Piazzale uscita A26 Casale Sud per le auto della Frazione Popolo
    • Piazza Industria per le auto della Frazione Terranova
    • Parcheggio Ipercoop per le auto parcheggiate in corso Valentino e vie limitrofe


    Aree di attesa e raccolta della popolazione:
    Sono aree di prima accoglienza, ove la popolazione riceverà le prime informazioni sull'evento:

    • Mercato Pavia
    • Piazzale uscita A26 Casale Sud
    • Piazza Industria

    --------
    OSPITALITÀ

    Le strutture pubbliche possono ospitare gli sfollati in caso di alluvione sono le seguenti:

    • Palasport Ferraris
    • Palestra Leardi
    • Scuola Martiri della Libertà
    • Scuola San Paolo
    • Scuola IV Novembre
    • Scuola Bistolfi


    Aree
    Qualora le scuole non si dimostrassero sufficienti, verranno allestite una o più tendopoli nelle seguenti aree:

    • Campo sportivo comunale N. Palli
    • Campo sportivo comunale San Germano
    • Campo sportivo comunale Roncaglia
    • Area Parcheggio Palazzetto dello Sport
    • Area parcheggio supermercato Ipercoop

    --------
    VIABILITÀ

    I mezzi da utilizzare saranno i seguenti:

    • Automezzi privati, per la maggior parte della popolazione
    • Scuolabus
    • Auto Polizia Locale o Protezione Civile
    • Eventuali mezzi pubblici procurati dal Comune
    • Eventuali mezzi messi a disposizione dalla Prefettura o dalla Provincia
 

In caso di frana

 
  • Norme di autoprotezione 

    Se siete in un edificio, abbandonatelo immediatamente ed allontanatevi, segnalate il pericolo alle autorità competenti e, se siete in prossimità di strade, segnalate il pericolo alle auto o alle persone che si dovessero trovare in zona.

EVACUAZIONE

 
  • Cosa fare

    Aree di attesa e raccolta della popolazione: Sono aree di prima accoglienza, ove la popolazione riceverà le prime informazioni sull'evento:

    • Mercato Pavia
    • Piazzale uscita A26 Casale Sud
    • Piazza Industria

    --------
    OSPITALITÀ

    Le strutture pubbliche possono ospitare gli sfollati in caso di frana sono le seguenti:

    • Palasport Ferraris
    • Palestra Leardi
    • Scuola Martiri della Libertà
    • Scuola San Paolo
    • Scuola IV Novembre
    • Scuola Bistolfi


    Aree
    Qualora le scuole non si dimostrassero sufficienti, verranno allestite una o più tendopoli nelle seguenti aree:

    • Campo sportivo comunale N. Palli
    • Campo sportivo comunale San Germano
    • Campo sportivo comunale Roncaglia
    • Area Parcheggio Palazzetto dello Sport
    • Area parcheggio supermercato Ipercoop
 

Rischio idropotabile

 
  • Norme di autoprotezione 

    Le norme generali di autoprotezione per il rischio idropotabile sono sostanzialmente legate all'uso del buon senso; nei casi di emergenza, così come durante i periodi di normalità, è indispensabile far nascere nella popolazione la cultura del "razionale utilizzo dell'acqua" evitando qualsiasi forma di spreco. Ciò è possibile modificando qualche piccola abitudine quotidiana, come ad esempio:
    Per risparmiare acqua:

    • rifornisci i rubinetti di dispositivi frangigetto che consentano di risparmiare l'acqua
    • verifica che non ci siano perdite. Se, con tutti i rubinetti chiusi, il contatore gira, chiama una ditta specializzata che sia in grado di controllare eventuali guasti o perdite nella tubatura e nei sanitari
    • non lasciar scorrere inutilmente l'acqua del rubinetto, ma aprilo solo quando è necessario, ad esempio mentre si lavano i denti o durante la rasatura della barba
    • non utilizzare l'acqua corrente per lavare frutta e verdura: è sufficiente lasciarle a bagno con un pizzico di bicarbonato
    • quando è possibile, riutilizza l'acqua usata: l'acqua di cottura della pasta, ad esempio, per sgrassare le stoviglie, quella utilizzata per lavare frutta e verdura per innaffiare piante e fiori
    • utilizza lavatrici o lavastoviglie, possibilmente nelle ore notturne, solo a pieno carico e ricordati di inserire il programma economizzatore se la biancheria o le stoviglie da lavare sono poche
    • utilizza i serbatoi a due portate, nei servizi igienici; consente di risparmiare circa il 60% dell'acqua attualmente usata con serbatoi a volumi fissi ed elevati
    • preferisci la doccia al bagno: è più veloce e riduce di un terzo i consumi
    • quando vai in ferie o ti assenti per lunghi periodi da casa, chiudi il rubinetto centrale dell'acqua
    • non utilizzare acqua potabile per lavare automobili

    --------
    In caso di sospensione dell'erogazione dell'acqua:

    • prima della sospensione, fai una scorta minima di acqua per bagno e cucina e rifornisciti di piatti, posate, bicchieri di plastica, ovatta e alcool denaturato
    • spegni lo scaldabagno elettrico e riaccendilo dopo che è tornata l'acqua per evitare danni alle resistenze di riscaldamento
    • appena ripristinata l'erogazione dell'acqua, evita di usare lavatrice, lavastoviglie e scaldabagno fino al ritorno della normalità, perché potrebbero verificarsi fenomeni di acqua scura
 

Rischio di rilascio di sostanze tossiche

 
  • Norme di autoprotezione 

    Se vi trovate nella vostra abitazione:

    • chiudete immediatamente le finestre
    • spegnete eventuali condizionatori
    • chiudete eventuali prese d'aria dall'esterno o fessure che generano spifferi d'aria con stracci bagnati
    • riparatevi negli ambienti più interni
    • cercate di respirare attraverso un panno umido e il meno a fondo possibile
    • seguite con attenzione le istruzione che vi verranno fornite nel frattempo dalle Autorità attraverso altoparlanti, radio, televisione


    Se vi trovate in auto, chiudete le bocchette dell'aria e cercate riparo in zone sicure al chiuso seguendo le stesse indicazioni per chi si trova in una abitazione.

EVACUAZIONE

 
  • Cosa fare

    Aree di attesa e raccolta della popolazione: Sono aree di prima accoglienza, ove la popolazione riceverà le prime informazioni sull'evento:

    • Mercato Pavia
    • Piazzale uscita A26 Casale Sud
    • Piazza Industria

    --------
    OSPITALITÀ

    Le strutture pubbliche possono ospitare gli sfollati in caso di rilascio di sostanze tossiche sono le seguenti:

    • Palasport Ferraris
    • Palestra Leardi
    • Scuola Martiri della Libertà
    • Scuola San Paolo
    • Scuola IV Novembre
    • Scuola Bistolfi
 

Rischio terremoto

Vi accorgete del terremoto, se vi trovate in una abitazione, da vari fattori: lampadari che oscillano, se avete degli acquari, noterete in essi le classiche onde, tintinnio di bicchieri ecc. Il comune è in un'area a bassa sismicità.

 
  • Norme di autoprotezione 

    Durante la scossa

    • Non farsi prendere dal panico (la calma ed il comportamento disciplinato aumentano le possibilità di salvarsi)
    • Non precipitarsi per le scale verso le uscite perché le scale potrebbero non reggere
    • Non precipitarsi fuori dall'edificio perché potreste essere colpiti da pezzi di cornicione o altri oggetti
    • Non utilizzare l'ascensore
    • Ripararsi sotto architravi, tavoli e letti che non siano al centro della stanza, e in mancanza addossarsi ai muri maestri o a strutture in cemento armato
    • Evitare di sostare nel centro del pavimento
    • Evitare la vicinanza di mobili alti (armadi, librerie), di specchi, di vetri, quadri, lampadari, suppellettili, televisori, finestre perché potreste essere colpiti da oggetti o colpiti da schegge di vetro
    • Evitare di mettersi sul balcone perché potrebbe crollare


    Dopo la scossa

    • Radunare i familiari
    • Non usare fiammiferi (candele) durante o subito dopo la scossa: esiste il pericolo di fughe di gas e di conseguenza di deflagrazione e di incendio
    • Chiudere il rubinetto del gas e dell'acqua, staccare la corrente, spegnere fornelli
    • Raccogliere l'essenziale in borse capaci, ma senza eccedere nel peso e nel numero
    • Sistemare a terra ciò che è in bilico se ostativo all'esodo
    • Non usare il telefono se non per segnalare la necessità di soccorsi urgenti
    • Abbandonare l'abitazione con calma, avendo cura di chiudere la porta di ingresso e raggiungere il più velocemente possibile una delle area di attesa per la popolazione previste dal piano comunale
    • Nell'uscire dai portoni dare uno sguardo in alto per verificare cadute di cornicioni, tegole, comignoli, ecc
    • Evitare di passare da strade strette
    • Non circolare in automobile se non per trasportare eventuali feriti
    • Tenersi aggiornati sulla situazione per potersi regolare per il rientro di familiari (bambini a scuola), in particolare tenere accesa la radio locale per ascoltare il succedersi degli avvenimenti ed eventuali comunicati e tenere i contatti con l'area di attesa dove saranno diramate le informazioni specifiche
    • Aspettarsi scosse secondarie
    • Rinchiudere gli animali impauriti

EVACUAZIONE

 
  • Cosa fare

    --------
    OSPITALITÀ

    Le strutture pubbliche possono ospitare gli sfollati in caso di terremoto sono le seguenti:

    • Campo sportivo comunale N. Palli
    • Campo sportivo comunale San Germano
    • Campo sportivo comunale Roncaglia
    • Area Parcheggio Palazzetto dello Sport
    • Area parcheggio supermercato Ipercoop
 

Rischio incidenti a vie e sistemi di trasporto

Possono essere:

  • Incidenti su vie di comunicazione ( strade, autostrade,ferrovie)
  • Incidenti di sistemi di trasporto energetico ( oleodotto, metanodotto,elettrodotti)
  • Black out a sistemi di distribuzione (gas, corrente elettrica,acqua)
 
  • Norme di autoprotezione 

    • Mantenere sempre la calma
    • Attenersi alle istruzioni delle Autorità competenti

EVACUAZIONE

 
  • Cosa fare

    • Mercato Pavia

    --------
    OSPITALITÀ

    Le strutture pubbliche possono ospitare gli sfollati in caso di incidenti a vie e sistemi di trasporto sono le seguenti:

    • Palasport Ferraris
    • Palestra Leardi
    • Scuola Martiri della Libertà
    • Scuola San Paolo
    • Scuola IV Novembre
    • Scuola Bistolfi
 

Rischio incendi

 
  • Norme di autoprotezione 

    • Non perdere tempo ed esci immediatamente dall'edificio usando solo i percorsi di emergenza e le uscite di emergenza segnalate dai cartelli verdi su sfondo bianco
    • Se ti trovi in un ambiente pieno di fumo, stenditi sul pavimento perché i gas e il fumo tendono a salire verso l'alto e cerca di uscire dalle uscite di emergenza seguendo le luci di emergenza
    • Se non trovi i percorsi di emergenza e l'uscita di emergenza, cerca una possibile via di fuga
    • Se non hai vie di fuga, stenditi sul pavimento perché i gas e il fumo tendono a salire verso l'alto
    • Non nascondersi in ambienti privi di aperture o si trovano al di sopra dell'incendio
    • Non usare l'ascensore perché potrebbe bloccarsi
    • Se sei intrappolato ricorda che il bagno è il luogo più sicuro perché è provvisto di acqua e i rivestimenti delle pareti non sono infiammabili; dopo essere entrato bagna la porta e chiudi le fessure con asciugamani bagnati
    • Se i vestiti prendono fuoco rotolati sul pavimento o se possibile usa l'acqua
 
 
 
 
 
 
 
 

EVACUAZIONE

 
  • Cosa fare

    • Mercato Pavia

    --------
    OSPITALITÀ

    Le strutture pubbliche possono ospitare gli sfollati in caso di incidenti a vie e sistemi di trasporto sono le seguenti:

    • Palasport Ferraris
    • Palestra Leardi
    • Scuola Martiri della Libertà
    • Scuola San Paolo
    • Scuola IV Novembre
    • Scuola Bistolfi
 

Rischio incendi

 
  • Norme di autoprotezione 

    • Non perdere tempo ed esci immediatamente dall'edificio usando solo i percorsi di emergenza e le uscite di emergenza segnalate dai cartelli verdi su sfondo bianco
    • Se ti trovi in un ambiente pieno di fumo, stenditi sul pavimento perché i gas e il fumo tendono a salire verso l'alto e cerca di uscire dalle uscite di emergenza seguendo le luci di emergenza
    • Se non trovi i percorsi di emergenza e l'uscita di emergenza, cerca una possibile via di fuga
    • Se non hai vie di fuga, stenditi sul pavimento perché i gas e il fumo tendono a salire verso l'alto
    • Non nascondersi in ambienti privi di aperture o si trovano al di sopra dell'incendio
    • Non usare l'ascensore perché potrebbe bloccarsi
    • Se sei intrappolato ricorda che il bagno è il luogo più sicuro perché è provvisto di acqua e i rivestimenti delle pareti non sono infiammabili; dopo essere entrato bagna la porta e chiudi le fessure con asciugamani bagnati
    • Se i vestiti prendono fuoco rotolati sul pavimento o se possibile usa l'acqua
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Ultima Modifica: 17 Ottobre 2019
Valuta questo sito: Rispondi al questionario