testata per la stampa della pagina

Le bonifiche (procedure e agevolazioni)


Devi bonificare una copertura contenente amianto?


 
 

Riaperto fino al 25 gennaio 2018 il termine per le domande di contributi per la rimozione di manufatti contenenti amianto

operai al lavoro per rimuovere l'amianto

È stato riaperto il 10 novembre 2017 il bando 2016 per le richieste di contributi per la rimozione di manufatti contenenti amianto.
Fino al 25 gennaio 2018 i cittadini di Casale Monferrato e di tutti i 48 Comuni compresi nel SIN (Sito d'interesse Nazionale) casalese che non hanno ancora provveduto a bonificare, possono richiedere un contributo pari a 30 euro al metro quadrato nel limite del 50% delle spese sostenute.

Per saperne di più clicca qui

 
 
 

Contributi rimozione coperture e manufatti in cemento-amianto

tetto in amianto cemento

L'intervento,  organizzato dal Comune di Casale con bandi a periodicità biennale, in un periodo minimo di cinque anni a partire dal 2005,  prevede l'incentivazione della rimozione manti di copertura in cemento-amianto sul territorio dei 48 comuni dell'ex USL 76 mediante contributi da erogare ai cittadini a parziale rimborso delle spese sostenute. 
Il progetto dell'intervento prevede l'esecuzione delle bonifiche da parte dei privati proprietari dei fabbricati, con libera scelta dell'Impresa esecutrice, seguendo le ordinarie metodologie di rimozione previste dalla normativa vigente.

Per saperne di più clicca qui

 
 
 

Misure per accelerare le bonifiche private

tetto in amianto cemento

Dal 2015 sono state disposte nuove misure finalizzate a una accelerazione del processo di bonifica e una più efficace promozione dei comportamenti virtuosi dei cittadini, considerato che sono stati assegnati fondi sufficienti a finanziare TUTTE le bonifiche dei fabbricati presenti nelle graduatorie e tutte quelle censite.

Per conoscere le misure di semplificazione e promozione dei comportamenti virtuosi clicca qui

 
 
 

Ulteriori iniziative di sostegno alle bonifiche dei privati

rimozione di polverino da un  cortile

Il Comune di Casale Monferrato intende assicurare il proseguimento degli interventi di bonifica anche mediante iniziative finalizzate a:
1. rendere agevole l'accesso dei privati al credito e/o mutui ipotecari per effettuare tali interventi
2. ottenere il contenimento dei costi di bonifica sulla base di preventivi semplici e trasparenti
3. attivare collaborazioni con le associazioni professionali affinchè l'utenza possa beneficiare di professionalità tecniche  formate, qualificate ed aggiornate sul tema specifico dell'amianto

Per conoscere gli istituti di credito che hanno sottoscritto l'accordo (consultando liberamente le offerte presentate),  le associazioni di categoria e sindacali che hanno aderito alla proposta per il contenimento dei costi e reperire informazioni sulle iniziative formative proposte e realizzate dagli ordini professionali aderenti al protocollo d'intesa clicca qui

 
 
 

Discarica amianto (modulistica)

un pacco di lastre contenti amianto

L' Area attrezzata a discarica controllata per amianto al servizio delle bonifiche dei 48 Comuni del Sin è a Casale Monferrato, Zona Industriale, in via Ceronetti, 5.

L' impianto è gestito dal Comune di Casale Monferrato - Settore Tutela Ambiente.
L' accesso è consentito solo su appuntamento, previa richiesta da presentare al Comune.

continua a leggere

 
 
 

Polverino

rimozione di polverino da un  cortile

Se è rilevata la presenza nella superficie di pavimentazione del cortile d'abitazione di materiale friabile simile al cemento, con presenza di fibre affioranti, o se nel sottotetto è presente uno strato di 10-15 cm di polvere (non la solita polvere che si deposita nei locali, ma uno strato consistente appositamente livellato!) e se risulta memoria di un intervento di "posa" del polverino da parte di genitori, nonni, zii ecc... è importante segnalare la situazione al Comune di Casale Monferrato. Saranno attivate le procedure previste per l'intervento.
È sempre possibile segnalare la presenza di "polverino" al Comune di Casale:
ARPA e ASL effettuano accertamenti e se confermato, il sito è comunicato al Ministero Ambiente per il censimento. Seguono progettazione ed esecuzione gratuita.

 
 
 
 

Servizio di ritiro a domicilio dei pacchi di lastre in cemento-amianto

tetto di eternit da sostituire

Il servizio, gratuito fino a 500 mq di superfici di copertura, è riservato a chi non ottiene il contributo per la rimozione con i bandi periodici e incentiva le bonifiche anche di modiche quantità di cemento-amianto. E' richiesto solo il pagamento di un diritto di accesso per lo smaltimento nella discarica comunale di Casale Monferrato.
Le lastre, adeguatamente imballate, sono ritirate direttamente nei cantieri di bonifica dietro richiesta da presentare al Comune di Casale Monferrato.

 
 
 
 
 
 

Microbonifiche

uomo al lavoro su piccole quantità di materiali contenenti amianto

Il Comune di Casale Monferrato ha istituito, con fondi propri, un ulteriore contributo, di 40 euro forfettarie, che saranno assegnate a ogni cittadino che provveda alla bonifica di un quantitativo massimo di 10 metri quadrati, corrispondenti a un massimo di 140 Kg di peso, nel territorio comunale. 
È sufficiente una richiesta da presentare al Settore Tutela Ambiente, con allegata fotografia del materiale da bonificare, e potrà comunque essere utilizzato il servizio gratuito di ritiro a domicilio dei pacchi.

 
 
 
 

Bonifiche eseguite direttamente dai cittadini

lastre di eternit

Con Deliberazione della Giunta Regionale 18 dicembre 2013 n. 25-6899 sono stabilite le regole per la rimozione di modeste quantità di materiali contenenti amianto da parte dei privati cittadini. 
Il proprietario che ritiene di eseguire direttamente le operazioni di rimozione, incapsulamento e imballaggio delle lastre deve seguire tali indicazioni, pertanto oltre a presentare al Comune di Casale la richiesta di ritiro a domicilio dei pacchi e di accesso in discarica, deve anche presentare all'ASL AL - Servizio Igiene e Sanità Pubblica - Via Palestro 41, Casale Monferrato, la documentazione prevista dalla Delibera Regionale del 18 dicembre 2013.

 
 

Altre informazioni e approfondimenti

Ditte abilitate alla bonifica del cemento-amianto
Le Ditte abilitate alla bonifica del cemento-amianto sono iscritte all'ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI
L' elenco completo delle Ditte abilitate d' Italia, suddiviso per provincia, aggiornato in tempo reale, è visionabile sul sito dell' Albo:
www.albonazionalegestoriambientali.it
· ELENCO ISCRITTI
· CATEGORIA 10A  per  conoscere le Ditte che sono abilitate a bonificare lastre ondulate, pannelli, tubi, manufatti compatti
oppure
· CATEGORIA 10B per conoscere le Ditte che sono abilitate a bonificare anche il materiale friabile oltre a tutti i materiali della categoria 10A

Oltre all' iscrizione all' Albo Nazionale Gestori Ambientali, il personale addetto alle operazioni di bonifica dell' amianto e ilresponsabile tecnico devono inoltre essere in possesso dei titoli di abilitazione conseguiti a seguito di apposito corso di formazione professionale ai sensi art. 10 comma 2 lett. h) della Legge 27/03/1992 n. 257 (il cosiddetto "PATENTINO" per l'amianto).
Le Ditte che possono eseguire le bonifiche sono tenute a fornire prova dell'iscrizione all'Albo e dell'abilitazione dei singoli operatori all' ASL, nell'ambito della documentazione allegata al  Piano di Lavoro.

Il Comune di Casale Monferrato ha anche avviato una procedura per dar vita a un elenco di ditte che aderiscono all'iniziativa di contenimento dei costi e trasparenza delle procedure per la bonifica delle coperture e dei manufatti in cemento-amianto: clicca qui per andare alla sezione dedicata.


Obblighi di controllo e manutenzione
La normativa italiana non impone l' obbligo di rimozione, ma una adeguata valutazione del rischio cui segue la scelta del tipo di intervento da effettuare.
Oltre alla rimozione sono possibili la sovracopertura che isola le lastre dal contatto con l' esterno e il trattamento con prodotti incapsulanti.
Questi ultimi tipi di intervento non sono oggetto di alcun contributo nell' area casalese: si ritiene che l' enorme diffusione di materiali contenenti amianto e l' elevata percentuale di patologie tumorali connesse all' esposizione all' amianto renda necessaria l' eliminazione progressiva e controllata di tutte le possibili fonti di rischio, secondo il piano di interventi autorizzato dal Ministero dell' Ambiente ed organizzato da Comune, Regione, ASL, ARPA, Provincia.
In ogni caso, i proprietari di fabbricati con presenza di amianto sono obbligati a provvedere alla manutenzione periodica dei manufatti secondo le disposizioni tecniche del D.M. 06/09/1994, a pena di sanzioni:

 
 

Ufficio Ambiente ed Ecologia

Dirigente: arch. Piercarla Coggiola

Via Mameli, 10 - piano primo
tel 0142 444211
fax 0142 444344

logo filo diretto

Registrati al servizio gratuito Filo Diretto 
per comunicare con gli uffici. 
 

 

 
Orario:
dal lunedì al venerdì 10:00-12:00
mercoledì pomeriggio 14:30-16:30

 
 
 
Ultima Modifica: 22 Novembre 2017
Valuta questo sito: Rispondi al questionario